Era il 20 Aprile 2011

quando nella stanza n°5 dell’ospedale “Misericordia e Dolce”, alle 5 in punto di una mattina assolata, una voce sconosciuta disse: “Bene, siamo a 7 cm. Possiamo avviarci in sala travaglio. Se vuole chiamare qualcuno..”             

Ripiegata in due dai dolori, soddisfatta del lavoro che, nelle 12 ore precedenti (!), avevano fatto il mio utero e la testa di mia figlia, e consapevole che quello sarebbe stato il mio ultimo viaggio “da sola”… presi il cellulare e feci una chiamata intercontinentale per avvertire il padre: “Ci siamo. Mi portano in sala travaglio. Poche ore e finalmente conoscerò la “gordita”! Appena finisce tutto ti avviso. Tu intanto stai tranquillo.”

Poi chiamo anche qui dietro l’angolo: “Babbo…vado. Mi portano in sala. Non partite subito che tanto mancano ancora 3 cm. Ci vorrà un po’”. Ottimisticamente calcolavo un massimo di 4 ore, visto che avevo fatto 1 cm l’ora, precisa come un orologio svizzero. Invece il destino aveva piani diversi e così il viaggio di mia figlia su questo pianeta cominciò solo molto più tardi: alle 12.05 di quello stesso giorno. Esattamente un mese fa.

E questo blog è il regalo per il suo complemese, che è il regalo più meraviglioso che io abbia mai avuto e che si festeggerà naturalmente con un viaggio!

Si, perché che il movimento sarebbe stato alla base della sua esistenza, la mia principessa lo sapeva già quando ci ha scelti: si è infilata zitta zitta tra le mie ovaie al rientro da una vacanza nella selva peruviana; si è fatta un bel volo intercontinentale mentre ancora si stava formando; ha attraversato tutta la pianura padana per accompagnarmi a finire un lavoro finchè potevo ancora muovermi nonostante il suo nido si facesse sempre più enorme; ha già goduto delle prime due settimane di vacanza tra i monti della Svizzera ed ora si prepara per tornare a casa…casa…una delle tante case…un luogo considerato tale, almeno…casa…diciamo che tornerà alla sua culla, ecco. Quella bella culla bianca con una storia lunga 40 anni…ma questa ve la racconto più avanti.

Adesso:

AUGURI PRINCESA! BENVENUTA!

Annunci